di Alessandra Severini, Gabriele Niola


Quale fu il suo rapporto con Berlinguer?

«Gfotoli volevo molto bene, sentivo nei suoi confronti una specie di empatia. Fu un rapporto molto intenso, anche perchè fu lui a portarmi nella segreteria del partito, con una scelta anche contrastata da una parte del partito, quella che era la corrente migliorista. Insieme fissammo la data del comizio di Padova che gli sarà fatale e quando gli proposi di recarsi il giorno dopo a Comiso in Sicilia, lui mi disse con un lieve sorriso ironico: “Va bene, se sarò ancora vivo ci andrò”».

Nel suo libro lei racconta che Berlinguer la mandò a fare il segretario in Sicilia.
«Davanti alla mia posizione fortemente critica verso l’Urss mi chiamò e mi disse: “Tu sei un ottimo dirigente per una parte del partito, non per un’altra. E’ bene che tu faccia un’esperienza sul territorio”. Potevo scegliere fra Abruzzo e Sicilia. Scelsi l’isola ed è stata un’esperienza importante perché per conoscere l’Italia bisogna conoscere il Mezzogiorno».

Nel libro racconta di quando il segretario le propose di cambiare nome al Pci.
«Ero segretario regionale in Sicilia e Berlinguer era venuto sull’isola per la campagna referendaria sul divorzio. All’improvviso mi disse a bruciapelo “Cosa ne pensi se cambiassimo nome al Pci”? Rimasi senza fiato. “Che nome gli daresti?”, mi chiese. Azzardai: “Partito comunista democratico”. Lui sorrise con aria di sufficienza e mi rispose: “Da un lato è troppo poco, dall’altro si finirebbe per far credere che noi attualmente non siamo democratici”».

Lei montò la guardia alla bara di Berlinguer. Come ricorda quel funerale?
«I suoi funerali mostrarono l’affetto e il rispetto di tutta la nazione. Io montai la guardia allo stesso angolo e nello stesso luogo dei funerali di Togliatti. C’era la stessa fila interminabile, i pugni chiusi e i segni della croce. Ma la gente era cambiata: c’erano gli operai e i contadini, ma anche cittadini dalle più svariate professioni. Moltissimi giovani e moltissime donne».

Quanto la questione morale di Berlinguer è ancora attuale?
«Era uno dei punti su cui ero più d’accordo con lui. Ero convinto che nel rapporto fra partiti e politica i primi dovessero fare un passo indietro. Molti dei miei successori l’hanno un po’ dimenticata, arrivando a rivalutare Craxi e considerandolo un esempio di modernità. Io questo non l’ho mai accettato. Molti di questi dirigenti saranno alla prima del film di Veltroni».

Ci andrà?
«Veltroni mi ha invitato e per rispetto al ricordo di Enrico ci andrò. Ma sarò a disagio».

Cosa pensa di Renzi, il rottamatore?
«Quando ho sentito Renzi parlare di rottamazione ho stappato bottiglie. Ho pensato: ci si libera di dirigenti che hanno distrutto la sinistra in Italia. Ma poi si devono fare nomi e cognomi, non sparare nel mucchio di un’intera generazione. E non lo dico per me che mi sono rottamato da solo. Attendo di vedere se ce la fa. Non lo capisco fino in fondo, ma come tantissime persone spero ce la faccia e spero che insieme a lui si affermi una nuova generazione».

Come legge questo momento politico?
«Mi sembra che si viva in un eterno presente, senza radici. Invece penso che sia necessario coltivare la memoria, non come amarcord ma come linfa del presente. Io non mi sono mai arreso al fatto che sotto le macerie del comunismo dovesse morire anche la sinistra».

 

26_590-4901-300x203

 

Quando c’era Berlinguer è il film documentario scritto e diretto da Walter Veltroni che racconta il segretario del Pci. Abbiamo chiesto ad Achille Occhetto, l’ultimo segretario del Partito comunista italiano e l’uomo della svolta della Bolognina di raccontarci il “suo” Berlinguer. Occhetto dedica al rapporto con l’allora segretario pagine intense del suo ultimo libro La Gioiosa Macchina da Guerra (Editori Internazionali Riuniti).

 

NELLE SALE DAL 27 MARZO

Difficilmente vedremo un documentario più completo di Quando c’era Berlinguer in questo trentennale della scomparsa del leader del PCI più conosciuto (anche se le testimonianze con le quali il film inizia lasciano pensare il contrario). Walter Veltroni ha realizzato un film (e un libro dal medesimo titolo) che vanta fonti, amicizie e testimonianze precluse a molti.
Il documentario che esce nelle sale italiane il 27 Marzo, prodotto da Sky (che lo manderà in onda a partire da Giugno, mese in cui ricorre la morte di Berlinguer) in collaborazione con Palomar, è uno dei pochi film nella storia del cinema a vantare la presenza di un Presidente della Repubblica Italiana in carica oltre ad una serie impressionante di vecchie conoscenze della politica e del giornalismo italiani assieme a Jovanotti (unico testimone “giovane” coinvolto).
Abusando di sentimentalismo e velleità poetiche abbastanza artificiose, l’intento di Veltroni non è però quello di raccontare la vita di Berlinguer quanto di spiegare attraverso le sue strategie e manovre ciò che agli occhi di chi non ha vissuto la politica di quegli anni è un mistero imperscrutabile: come sia stato possibile che la morte di un politico abbia scatenato un’adunata mostruosa e sinceri pianti disperati.
«Quando c’era Berlinguer è una nuova testimonianza dell’attenzione e della sensibilità che Sky Italia dimostra da sempre nei confronti del Paese – spiega Andrea Zappia, amministratore delegato di Sky Italia – della sua storia politica e sociale e della sua cultura».

 

 Leggi Articolo Originanale su Leggo.it

One comment on ““QUANDO C’ERA BERLINGUER”

Comments are closed.